Dal Cradle to Cradle

La scuola superiore Liceo Schravenlant è il primo edificio scolastico in olanda progettato secondo i principi del cradle-to-cradle principles. La filosofia del cradle-to-cradle ha un approccio olistico per quanto concerne i processi di consumo e costruzione e cerca di creare sistemi che siano efficienti e che non creino rifiuti, sistemi in cui i materiali utilizzati possano essere reinseriti in altri prodotti, senza perdere qualità e senza generare ulteriori rifiuti. Il ccomune di Schiedam aveva l'ambizioso obiettivo di ridurre il diossido di carbonio dagli edifici, tenendo in considerazione il ciclo di vita dell'edificio e assumendosi la responsabilità di ciò che accade dopo. Ciò significava che gli edifici pubblici di Schiedam dovessero essere completamente smontabili al termine del ciclo di vita e che i materiali avrebbero dovuto dare nuova vita a ad altri prodotti. Prendendo in considerazione questi principi sostenibili, perprima cosa è si è cercato di capire se il vecchio edificio potesse essere rinnovato, ma, molti dei matetiali della struttura erano degli anni '60 e tutt'altro che sostenibili. Come altre scuole costruite in quell'epoca, l'edificio aveva una struttura educativa antiquata e il prezzo per aggiornare il consumo di energia alla fine sarebbe stato molto più alto rispetto a optare per una nuova costruzione.

"Progetta la tua scuola"

Quando lo studio di architettura LIAG con sede a l'Aia ha intrapreso il progetto, ha adottato un approccio innovativo ponendo le idee di 600 studenti al centro del processo di progettazione. Lavorando con la scuola hanno implementato un progetto di 3 giorni, chiedendo agli studenti di progettare la propria scuola. Il progetto ha permesso agli studenti di visionare altri progetti e di arrivare a presentare delle soluzioni agli altri studenti, ai loro genitori e al comune. Questi input sono poi stati inclusi all'interno della progettazione di LIAG. Il prodotto finale era un edificio relativamente piccolo, ma completamente neutro per emissioni di carbonio,, con una regolazione della temperatura ottimale e un'aria molto pulita che soddisfaceva i più elevati standard olandesi (Frissen Scholen Klasse A). L'edificio è alimentato da 120 pannelli solari, i servizi igienici funzionano con acqua naturale e la costruzione è stata realizzata con materiali da costruzione riutilizzati e riciclabili, tra cui 30.000 m2 di pannelli acustici in lana di roccia che creano un ambiente acusticamente confortevole. I soffitti acustici sono funzionalmente supportati da lunghe mura di muschio che che aiutano ad attutire i suoni e a regolare i livelli di umidità in tutto l'edificio. Includere l'importanza del clima interno come parte del discorso sulla sostenibilità ha convinto il comune ed il consiglio scolastico che era fondamentale investire in questo campo.

Un clima interno salubre, con una grande acustica

Thomas Bögl di LIAG architecten spiega l'importanza di non pensare alla sostenibilità unicamente in realazione alla scelta di materiali a basso impatto ambientale: "Un edificio è sostenibile solo se contribuisce all'obiettivo principale della sua esistenza, in questo caso l'istruzione. Qui la salubrità è un must." "Un edificio a basso impatto energetico costruito con materiali sostenibili non è un edificio sano per definizione, per questo abbiamo focalizzato la nostra attenzione sul clima interno dell'edificio, dove l'acustica è un parametro fondamentale. Se i livelli di rumore sono bassi, le persone si sentono meno stressate e si assentano meno," continua Bögl. Il risultato è una scuola confortevole e sostenibile, a prova di futuro, pronta ad accogliere nuove discipline e a riadattare gli spazi, consentendo all'edificio di restringersi o allargarsi per accogliere nuove attività, per esempio utilizzare il palazzetto dello sport per attività fuori dall'orario scolastico. 

Lyceum Schravenlant

Hugo de Grootstraat 4
3119 HA Schiedam
Olanda

Un edificio è sostenibile solo se contribuisce all'obiettivo principale della sua esistenza, in questo caso l'istruzione. Qui la salubrità è un must.

Thomas Bögl

Architetto presso LIAG Architects
Lyceum Schravenlant (Jeroen Elings/Anton Faber), Schiedam, The Netherlands, 3000m2, LIAG architecten en bouwadviseurs, HEVO BV, PBS, Oss, Studio Moni, ROCKFON Krios, A-edge, 600 x 600, Chicago Metallic T24 Hook 2850
Prodotti installati:

NB. I pannelli che vedete in questa foto non sono disponibili, si prega di far riferimento alla soluzione acustica Rockfon Blanka®

Prodotti installati:

NB. I pannelli che vedete in questa foto non sono disponibili, si prega di far riferimento alla soluzione acustica Rockfon Blanka®

Prodotti installati:

NB. I pannelli che vedete in questa foto non sono disponibili, si prega di far riferimento alla soluzione acustica Rockfon Blanka®

Prodotti installati:

NB. I pannelli che vedete in questa foto non sono disponibili, si prega di far riferimento alla soluzione acustica Rockfon Blanka®

Prodotti installati:

NB. I pannelli che vedete in questa foto non sono disponibili, si prega di far riferimento alla soluzione acustica Rockfon Blanka®

Prodotti installati:

NB. I pannelli che vedete in questa foto non sono disponibili, si prega di far riferimento alla soluzione acustica Rockfon Blanka®

Prodotti installati:

Lyceum Schravenlant

Ubicazione:Schiedam, Netherlands
Architetto:LIAG architecten en bouwadviseurs
Installatore:PBS, Oss
Photographer:Studio Moni
Dimensioni:600 x 600